Gambellara e Durello

Davide Vignato: espressione del Territorio

Davide Vignato: espressione del Territorio

Essendo cresciuto a pochi chilometri da qui, ho sempre associato il nome Gambellara al vino. D’altro canto Gambellara è anche il territorio dove nasce una delle aziende più grandi e, almeno un tempo, note a livello nazionale.
Per molti anni però questa Doc ha avuto nella produzione di quantità, spesso a discapito della qualità, la sua mission, trovandosi così schiacciata dalla vicina Doc veronese, Soave, vocata come Gambellara per la produzione di vini bianchi, basati sul vitigno Garganega, quando la sfida del mercato del vino è divenuta sempre più globale per la contrazione del consumo interno.


Solo in anni recenti, grazie al passaggio generazionale, ed anche per assecondare le nuove tendenze del mercato, molti produttori di Gambellara hanno scelto di riconvertire la propria produzione verso vini di qualità, capaci di esaltare la peculiarità del territorio, a volte guardando all’esperienza della produzione biologica o addirittura biodinamica.

 

Oggi ho il piacere di presentare brevemente una di queste esperienze: l’Azienda Agricola Vignato Davide, che ho avuto l’occasione di visitare recentemente.

Qui troviamo molti degli ingredienti appena citati: il passaggio generazionale dell’azienda di famiglia dal padre al giovane Davide, la sua idea di riconvertirsi alla produzione biologica come modo di esaltare il territorio e la genuinità del prodotto offerto alla propria clientela, la volontà di puntare sui vitigni autoctoni della zona, ovvero la Garganega e l’uva Durella per gli spumanti.


In questo progetto, condiviso da altri produttori della generazione dei trenta-quarantenni della zona, ci sono poi delle peculiarità specifiche espresse da Davide, prima tra tutto quella di creare dei vini che conservino comunque una buona bevibilità, evitando estremi di lavorazione naturale che la possano compromettere, mantenendo invece il piacere del bere che per lui è essenziale.

Vignato Davide

Ma qual’è la peculiarità del territorio che sta consentendo questo piccolo “rinascimento” della Doc Gambellara? Le parole chiave sono “mineralità” e “sapidità”, conferite dalla natura vulcanica di questi terreni, dominati dalla presenza di basalti e tufi terrosi.

In tempi recenti, in cui anche il vino bianco è oggetto di progetti enologici più complessi, capaci di andare oltre il vino d’annata che deve esaltare solamente la freschezza e i profumi fruttati e floreali, si è compreso come questa mineralità, peculiare di terreni vulcanici basaltici, rari da trovare a livello nazionale ed extra-nazionale, può conferire persistenza e carattere in bocca, da subito, e longevità, e quindi possibilità di evoluzione, nel tempo.

 

Sia la Garganega, per i vini bianchi fermi e per il tradizionale Recioto, vino dolce che da disciplinare si può produrre sia come vino passito che come vino spumante, oltre che per il Vin Santo (unica Doc veneta e una delle poche d’Italia), sia l’uva Durella, sono capaci di esaltarsi con questo tipo di terreni e di mineralità, divenendo prodotti impossibili da produrre con le stesse caratteristiche al di fuori dei pochi chilometri quadrati di estensione delle due Doc (Gambellara e Lessini Durello).

Li troviamo entrambi nella gamma dei vini di Davide Vignato. Due vini Gambellara Doc Classico: l’”El Gian”, e il “Col Moenia”, quest’ultimo frutto di una maggiore selezione delle uve provenienti dalla vigne più vecchie (fino a quarant’anni d’età), entrambi prodotti utilizzando esclusivamente lieviti indigeni e con l'aggiunta di un piccola quantità di solforosa solo al momento dell’imbottigliamento, a cui si aggiunge il “Cul d’Oro”, un Recioto di Gambellara Docg Classico. C'è poi  il “Primo Incontro”, un vino frizzante rifermentato in bottiglia, anch’esso con lieviti indigeni, che può essere assimilato ai vini “sur lie” o “col fondo”, e che può essere bevuto anche dopo aver “mosso” i lieviti capovolgendo la bottiglia prima dell’apertura.

Con l’uva Durella Davide Vignato presenta un metodo classico millesimato, il “Cuvee dei Vignato”, lasciato riposare 40 mesi sui lieviti. Le bottiglie attualmente in vendita sono ancora prodotte con un 10% di Chardonnay, ma dalle nuove produzioni Davide ha scelto di passare al Durello in purezza, per esaltare ancor più le caratteristiche uniche di questo vitigno nel processo di rifermentazione lunga in bottiglia, caratteristica del metodo classico (analogo italiano dello champenoise francese).


Infine, completano la gamma due “chicche”, davvero peculiari per questa zona e Doc, ovvero un vino fermo ed un vino passito, che viene prodotto con continuità da 50 anni, ottenuti da uve Merlot, di un vigneto storico che l’azienda ha voluto conservare. Il passito è davvero un prodotto che merita di essere assaggiato, affatto stucchevole, pur nell’elevato contenuto zuccherino, ottimo da pensare come accompagnamento alla cioccolata, o a certi formaggi stagionati o erborinati.

In generale in tutti i vini di Davide Vignato è ben presente e percepibile il tratto comune del territorio, di quella sapidità e mineralità unica, capaci di esaltare la freschezza, sia nei bianchi fermi, sia negli spumanti, ma anche di un progetto enologico chiaro, coerente, meritevole di essere conosciuto.

Davvero interessati sia il Gambellara Doc Classico “Col Moenia”, dotato di maggiore struttura e complessità rispetto al prodotto base, sia lo spumante “Cuvee dei Vignato”, dotato di piacevolissima ma non banale freschezza, e di buona finezza pur nell’identità inconfondibile, dalle note citrine, del Durello.

Anche il rapporto qualità (non solo del risultato nel bicchiere, ma anche dell’intero progetto) prezzo è assolutamente interessante.

 

L’azienda coltiva circa 15 ettari di vigneti e produce circa 30 mila bottiglie l’anno, con un trend di crescita, anche in risposta al successo commerciale del prodotto (circa il 60% della produzione trova la strada dell’esportazione).

L’Azienda Agricola Vignato Davide si trova a Gambellara, in via Capo di Sopra 39, sostanzialmente nel centro della cittadina, facilmente raggiungibile dall’uscita di Montebello dell’autostrada A4 Torino Venezia.

 

Per maggiori informazioni: www.davidevignato.it

 

Antonio Giuliani per Itinerarinelgusto.it



Scoprire il Trentino-Alto Adige in autunno

Turismo enogastronomico

Scoprire il Trentino-Alto Adige in autunno

In autunno, in Trentino Alto Adige, territorio caratterizzato da una produzione agricola fertile e generosa, è il momento in cui si celebrano i frutti maturati: la mela, frutto simbolo del Trentino, l'uva, protagonista della vendemmia e la castagna, caratterizzata...

Cantine aperte in Vendemmia 2017

Enoturismo

Cantine aperte in Vendemmia 2017

Anche quest'anno, nei mesi di settembre e ottobre, il Movimento del Turismo del Vino da il benvenuto agli enoappassionati aprendo le porte di molte cantine sparse per tutta Italia attraverso l'evento "Cantine Aperte in Vendemmia".

Enogastronomia dell’Alto Monferrato

OVADA MON AMOUR

Enogastronomia dell’Alto Monferrato

Continua fino al 21 giugno la primavera di Ovada Mon Amour, evento enogastronomico rivolto a chi è interessato a scoprire le eccellenze dell’Alto Monferrato, dove tradizione e innovazione si incontrano a tavola e in cantina.

Wine&Siena 2017

Manifestazioni

Wine&Siena 2017

Nel week end del 21 e 22 gennaio 2017 a Siena torna la manifestazione Wine&Siena, evento firmato dagli ideatori del Merano WineFestival per la valorizzazione dei terroir e delle eccellenze vitivinicole che coinvolgerà oltre 200 produttori...

L’Aceto Balsamico nel Panettone

Panettone gourmet

L’Aceto Balsamico nel Panettone

Gli abbinamenti insoliti con la pasticceria tradizionale non sorprendono più così tanto, ma l'utilizzo dell'aceto balsamico, uno dei fiori all'occhiello del Made in Italy gastronomico, nel dolce tradizionale natalizio per eccellenza, il panettone,...

Cantine d'Italia 2017 - La guida Go Wine

Guide

Cantine d'Italia 2017 - La guida Go Wine

Cantine d’Italia 2017 è la nuova edizione della Guida curata di Go Wine che si propone di promuovere l'accoglienza nelle cantine italiane. Oltre 700 cantine selezionate, 229 “Impronte d’eccellenza” per l’enoturismo, oltre...

Guida Sparkle 2017

Guide

Guida Sparkle 2017

Anno record per il numero di vini che hanno ottenuto il massimo riconoscimento, le “5 sfere”, per l'edizione 2017 della Guida Sparkle, redatta per il quindicesimo anno consecutivo dalla prestigiosa rivista di enogastronomia Cucina...

I vini vincitori di Autochtona 2016

Vini autoctoni

I vini vincitori di Autochtona 2016

La rassegna “Autoctoni che Passione!” ha proclamato i vini vincitori della 13^ edizione di Autochtona, la fiera dei vini autoctoni che si tiene ogni anno a Bolzano. Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Marche e Alto Adige le regioni premiate quest'anno.

Tre piatti in tre ore con Giuliano Baldessari

Scuola da Top Chef

"Tre piatti in tre ore" con Giuliano Baldessari

Tre piatti in tre ore. Questo il nome del corso che Giuliano Baldessari propone nel suo Ristorante Aqua Crua per chi vuole avvicinarsi ai segreti dell'alta cucina, anche per chi è alle prime armi. Ogni incontro propone tre diverse ricette presenti nel menu...

Panettone Day 2016

Concorsi

Panettone Day 2016

Il 17 settembre 2016, alle ore 10:00, la giuria di esperti Maestro Iginio Massari (Presidente) insieme a Gino Fabbri, Salvatore De Riso e Chiara Maci decreterà il vincitore dell’edizione 2016 del concorso Panettone Day valutando i 20 migliori...

In Alto Adige più acidità e aromi

Vendemmia 2016

In Alto Adige più acidità e aromi

Manca poco all’inizio della vendemmia 2016 in Alto Adige, che arriva con una decina di giorni di ritardo rispetto all’anno scorso. Superate le difficoltà create da un inizio di estate particolarmente piovoso, sarà ora decisivo il mantenimento...

Due marchi per una grande passione

Marcato e giannitessari

Due marchi per una grande passione

Giovedì 4 agosto, presso la cantina di Roncà (in provincia di Verona) circondata dai rilievi di origine vulcanica delle pendici meridionali della Lessinia, Gianni Tessari, ha presentato il fiore all’occhiello della produzione spumantistica...

I 50 anni della Strada del Prosecco Superiore

Itinerari

I 50 anni della Strada del Prosecco Superiore

Compie mezzo secolo la Strada del Prosecco e Vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene, primo esempio italiano di percorso enoturistico che ha trainato lo sviluppo economico e ricettivo dell’area. A settembre la “Centomiglia sulla Strada...

Il Mercato mondiale degli Spumanti

Dossier Spumanti

Il Mercato mondiale degli Spumanti

Il Corriere Vinicolo ha recente pubblicato un dossier dedicato al mondo degli spumanti, ed in particolare sull’andamento dell’export ed il confronto tra Prosecco e Metodo Classico. Il dato che ben riassume le dimensioni economiche del mercato...

La settimana del vino in Veneto

Verso Vinitaly

La settimana del vino in Veneto

In arrivo, non solo Vinitaly, il Salone Internazionale del vino e dei distillati, ma anche altri eventi collaterali, paralleli, dedicati al vino prodotto in modo naturale. Verona diventa la capitale per gli amanti del vino e per gli enofili, ma negli stessi giorni,...

L’ambizione del Durello di Marcato

Verso Vinitaly

L’ambizione del Durello di Marcato

Proprio nelle stesse settimane dove l’ormai usuale confronto a livello di produzione tra Prosecco e Champagne veniva portato all’attenzione del grande pubblico, sui colli Berici si svolgeva un evento per addetti ai lavori dedicato ad un interessante...

Birraio dell'Anno 2015: i vincitori

Birre artigianali

Birraio dell'Anno 2015: i vincitori

Fabio Brocca del birrificio Lambrate è il birraio dell'Anno 2015. Il riconoscimento, ideato da Fermento Birra con la sponsorizzazione di VDGlass, che ogni anno premia il miglior artigiano della birra italiana è stato consegnato nelle mani del birraio...

I Vini firmati Roberta Moresco

Nuovi vini

I Vini firmati Roberta Moresco

La sommelier e imprenditrice Roberta Moresco ha presentato i suoi vini: uno spumante millesimato Dry e un uvaggio di Corvina e Pinot Nero. Nel progetto coinvolti Maculan, Speri e Belussi. Un sogno personale che si realizza dopo molti anni spesi, come titolare...

Case Bianche-Tenuta Col Sandago

Cantine Aperte

Case Bianche-Tenuta Col Sandago

La cantina Case Bianche – Tenuta Col Sandago di proprietà di Martino Zanetti, già titolare del gruppo Hausbrandt, ha aperto le sue porte al pubblico in un evento ottimamente organizzato e che fa da anteprima ad altre aperture. L'azienda ha...

Gli ultimi eventi pubblicati

Gustus 2017 - vini e sapori dei Colli Berici

Veneto dal   04/11/2017   al   06/11/2017

Bagna Cauda Day 2017

Piemonte dal   24/11/2017   al   26/11/2017

The Wine Revolution

Liguria dal   19/11/2017   al   20/11/2017

Bacalà in agrodolce - presentazione a Milano Golosa

Lombardia dal   14/10/2017   al   16/10/2017

Gustariso 2017 – In riso veritas

Lombardia dal   20/10/2017   al   19/10/2017
vedi tutti segnala un evento