Prodotti tipici

Fungo di Borgotaro

Nei boschi lungo la dorsale Appenninica nei comuni di Albareto, Bedonia, Berceto, Borgo Val di Taro, Compiano, Tornolo, Pontremoli e Zeri cresce il Fungo di Borgotaro IGP. In commercio si può trovare allo stato fresco ed essiccato. E' considerato superiore per le sue qualità organolettiche. 

Sono 4 le varietà del Fungo di Borgotaro IGP, dalla più precoce a quella tardiva: 

  • Boletus aestivalis, chiamato dialettalmente "rosso" o "fungo del caldo"
  • Boletus pinicola Vittadini, chiamato dialettalmente "moro"
  • Boletus aereus Bulliard ex Fries, chiamato dialettalmente "magnan" 
  • Boletus edulis Bulliard ex Fries che dialettalmente prende il nome "fungo del freddo"

Oggi il Fungo di Borgotaro è conosciuto in tutto il mondo, ma la sua fama è giunta a partire dall'800 quando gli emigranti in Inghilterra o America hanno dato il via all'esportazione di questo prodotto. Qualche tempo più tardi il commercio del fungo ebbe una crescita esponenziale, tanto che nella prima metà del '900 vennero istituite alcune misure per proteggerlo dallo sfruttamento. Nel 1993 il porcino venne riconosciuto come prodotto ad Indicazione Geografica Protetta e nel 1995 venne costituito il Consorzio di Tutela.

Ricette

Nel sito del Consorzio di Tutela si possono trovare moltissimi suggerimenti per portare in tavola il Fungo di Borgotaro, dalla Crema di Funghi alla Spuma di patate,porcini,calamari e gamberi, dalle Pappardelle ai funghi ai Funghi al forno lunigianesi

Fungo di Borgotaro



Eventi e sagre dove puoi gustare il Fungo di Borgotaro


Fiera del Fungo porcino di Borgotaro

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 11/09/2021