Fiano di Avellino: Produttori, Cantine Aperte, Degustazioni

Fiano di Avellino

Prodotto tipico di: Campania   -   Zona di produzione: Avellino


Il Fiano di Avellino, una delle tre Docg dell'Irpinia, è stato importato in Irpinia tra il III e il IV secolo a.C. ed è un vino bianco, che fin dall'antichità era un vino dolce, mentre oggi si presenta come vino secco, intenso e strutturato, adatto anche all'invecchiamento.
Il Fiano di Avellino è un vitigno semi-aromatico dall'acidità non elevata se raccolto a maturità piena, che solitamente arriva tra fine settembre e la prima metà di ottobre.
Questo vitigno viene coltivato su una superficie di 55oha e dalla quale si ha una produzione di circa 3.000.000 di bottiglie.
L'intera superficie vitata si estende tra 26 comuni in provincia di Avellino, ma più in generale possiamo distinguere 4 zone di produzione dove il vitigno si esprime con accenti e sfumature diverse.
Queste zone sono: l'area di Lapio, l'area del Monte Partenio, l'area a ridosso della zona del Greco e l'area ad est di Avellino. In ordine, la prima, è la più importante perché il comune di Lapio rappresenta il 20% della produzione e in questa zona il vitigno esprime una struttura potente ma equilibrata dalla quale si ottengono vini con caratteristiche di eleganza e finezza. La seconda zona, a ridosso del Monte Partenio, ha un clima più freddo e da qui si realizzano vini con meno mineralità ma con maggiore complessità di bouquet. La terza area, quella vicino alla zona del Greco, è di medie altitudini e con terreni caratterizzati dall'argilla. Infine la quarta zona, quella ad est di Avellino, dalla quale si ricavano vini molto equilibrati, delicati e che, grazie all'invecchiamento, presentano note tostate.

Produttori di Fiano di Avellino



Vuoi restare aggiornato sui prossimi eventi pubblicati?

* campi obbligatori
Aperitivo in Piazzetta
La Grande Festa del Vino
Calici di Stelle
Vigne sotto le stelle
Chiaretto in Cantina
vedi tutti segnala un evento