Terre di San Venanzio Fortunato

Sogno, Prosecco d'Artista

La giovane cantina Terre di San Venanzio Fortunato presenta a Vinitaly due importanti novità: un Cartizze Superiore Docg Brut e il “Sogno”, primo spumante di una nuova linea di Prosecco Doc Treviso caratterizzato da un packaging innovativo che strizza l’occhio a un mercato giovane.

Il Cartizze Superiore Docg Brut è il fiore all’occhiello della produzione del Valdobbiadene Superiore Docg e viene ora proposto in una nuova versione più secca a 12 grammi per litro di zuccheri residui, per offrire un’interpretazione più versatile di questo grande vino, in grado di accompagnare il consumatore durante tutto il pasto.

Nasce invece dalla collaborazione con Andrea Agostini, maestro surrealista anconetano, il “Sogno”, primo spumante di una nuova linea di Prosecco Doc Treviso caratterizzato da un packaging innovativo che strizza l’occhio a un mercato giovane, italiano ma non solo, che sceglie prodotti di alta qualità.
La bottiglia, confezionata con la tecnologia “sleeve”, viene letteralmente avvolta dall’opera d’arte e la capsula nasconde un tocco modaiolo: la sorpresa di un tappo rosso, commissionato appositamente a un produttore spagnolo.
“Andrea Agostini è un mago della fantasia e siamo entusiasti che abbia accolto il nostro invito a lavorare su questo progetto” dicono Monica Ganz e Gabriele Gregolo, titolari della Cantina. “Leggero è il mio Sogno” - questo il nome completo dell’opera che è diventata etichetta - trasmette sensazioni che raccontano al meglio la leggerezza e la piacevolezza degli spumanti della casa vinicola, che porta il nome del Santo cantore delle gioie del palato e del buon vino.

Andrea Agostini
Un blu in tutte le sue sfumature caratterizza il suo mondo fantastico, dove personaggi onirici e ricordi dell’infanzia convivono in un racconto giocoso. Il mare si mescola al cielo notturno, dove la luna illumina piccoli marinai ad essa aggrappati, ed ecco l’intervento di spago e sovrapposizioni di carte colorate incollate a creare effetti tridimensionali. E ancora megattere, mongolfiere, giostre di cavalli, castelli di sabbia e tanti altri elementi che riportano al sogno e sempre arricchiti da una frase scritta, nota poetica in ogni opera di Agostini. Se c'è un momento, in cui la nostra corazza di guerriero contemporaneo, rimane inoperosa, distratta o stanca, quello è il momento giusto per alzare lo sguardo, liberarlo e lasciarlo affondare in un quadro di Andrea Agostini.