Percorso enogastronomico

Lungo la Strada del Vino di Controguerra

Partenza: Colonnella

Arrivo: Ancarano

Cosa puoi gustare:
Controguerra Bianco, Controguerra Novello, Controguerra Passito Rosso, Controguerra Rosso Riserva, Montepulciano d'Abruzzo, Montepulciano d'Abruzzo Cerasuolo

Cosa puoi vedere:
Chiesa di S. Massimo in Varano
Scalinata di Colonnella


Nell'Abruzzo di nord-est, poco lontano dal confine con le Marche segnato dal fiume Tronto, si trova la zona di produzione del Controguerra Doc, che si stende dalla costa all'entroterra della provincia di Teramo. Le principali cittadine dove sorgono i centri di produzione del vino locale sono separate da da poco meno di 25 chilomentri, attraverso le colline gremite di ulivi e vigne.

L'itinerario

Nell'Abruzzo di nord-est, poco lontano dal confine con le Marche segnato dal fiume Tronto, si trova la zona di produzione del Controguerra Doc, che si stende dalla costa all'entroterra della provincia di Teramo. Le principali cittadine dove sorgono i centri di produzione del vino locale sono separate da da poco meno di 25 chilomentri, attraverso le colline gremite di ulivi e vigne.

L'itinerario parte da Colonnella, antica città sulla cima dei colli, che ad est si affaccia sull'Adriatico e a nord confina con il fiume Tronto; nel centro storico si possono ammirare diverse opere architettoniche, come la Torre dell'Orologio o la Scalinata simbolo della cittadina. Qui troviamo la Cantina Sociale di Colonnella, dove si può degustare il Controguerra Rosso Riserva Doc, assieme a varie declinazioni del celeberrimo Montepulciano d'Abruzzo.

Procedendo verso ovest ci si addentra nelle colline sino a raggiungere Controguerra, Città del Vino da cui prende il nome la zona Doc stessa e attiva in campo vinicolo sin dall'epoca etrusca. Qui si possono ammirare il Torrione e la Chiesetta di San Francesco, nonché visitare la storica Azienda Agricola Illuminati, che propone Controguerra Bianco, Controguerra Novello, Controguerra Passito Rosso e Controguerra Rosso Riserva Doc.

 

 

Deviando a sud si raggiunge l'antico insediamento di Corropoli, cittadina sorta su un insediamento neolitico, conosciuta soprattutto per il Palio delle Botti, rievocazione medievale con protagonista una botte di 70 chili, che testimonia il legame della città con la produzione vinicola, celebrata anche durante la festa Borgo di Vino.

La tappa successiva del nostro percorso è Torano Nuovo, anch'esso insediamento di origini antichissime ma ricostruito dopo la distruzione del XV secolo. Qui sorge la Chiesa di S. Massimo in Varano, tra le più antiche della regione. Verso la metà di agosto si tiene un'apprezzatissima Festa del Vino, che comuqnue resta disponibile tutto l'anno presso numerose cantine, tra cui l'Azienda Agricola Barone Cornacchia, con il suo Controguerra Rosso Doc

Da qui si prosegue sino ad Ancarano, tappa finale del percorso, cittadina che domina l'intera valle del Tronto dalla sua altura, già importate luogo strategico in epoca romana. Ad Ancarano sorgno le tenute delle Cantine Ferliga, dove viene prodotto il Controguerra Merlot Doc, declinazione particolare della doc i cui vitigni in questa zona trovano il terreno di crescita ideale.




Aperitivo in Piazzetta
La Grande Festa del Vino
Calici di Stelle
vedi tutti segnala un evento