Colline del Prosecco
Le colline di Conegliano Valdobbiadene candidate per l'Unesco

Le colline di Conegliano Valdobbiadene candidate per l'Unesco

Le colline di Conegliano Valdobbiadene Prosecco sono state candidate dalla Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco a entrare nella lista dei Siti Patrimonio dell'Umanità. Il territorio del Conegliano Valdobbiadene rappresenta un paesaggio culturale di valore unico, espressione del lavoro manuale e della antica tradizione spumantistica, che ha ricevuto l'impulso decisivo con la fondazione, nel 1876, della prima Scuola Enologica d'Italia.

Conegliano Valdobbiadene

E' tra queste colline che crescono le vigne da cui nasce il vino spumante Italiano che ha conquistao il mondo, il Prosecco, nella sua denominazione DOCG di Prosecco Superiore.

Come spesso accade in Italia, l'eccellenza del frutto del lavoro dell'uomo nel trasformare un prodotto della terra, trova corrispondenza nella bellezza unica del territorio in cui quel prodotto nasce e viene lavorato.

Nel caso del vino, poi, è la stessa vigna con la sua coltivazione diffusa a valorizzare un territorio già splendido per sua natura, sia perché impedisce che il paesaggio venga deturpato da insediamenti industriali o dall'edilizia incontrollata, sia perché i terrazzamenti e i filari che creano i vigneti contribuiscono ad aggiungere fascino alle viste collinari.


 "Si tratta di un riconoscimento che riceviamo con orgoglio" dichiara Innocente Nardi, Presidente del Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG "perché risponde all'impegno che quotidianamente ogni abitante di Conegliano Valdobbiadene dedica a questa terra rendendola unica. Questa candidatura conferisce nuovo valore alla bellezza di questo territorio che da secoli esprime le sue potenzialità in molti campi del sapere: la viticoltura, innanzitutto ma anche la tradizione e innovazione enologica, l'arte e l'architettura. Ringraziamo il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia che ha dedicato un impegno encomiabile per il raggiungimento di questo prestigioso traguardo e naturalmente i Ministeri coinvolti nella Commissione nazionale italiana per l'Unesco, oltre a tutti coloro che hanno contribuito con la loro professionalità alla redazione del Dossier di Candidatura".

Il percorso per la candidatura del territorio collinare tra Conegliano e Valdobbiadene a Patrimonio Unesco dell'Umanità è stato avviato nel 2008; il primo traguardo è stato raggiunto nel 2010 con il suo inserimento nella Tentative List Italiana.  


Il Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG è l'ente privato, nato nel 1962, che garantisce e controlla il rispetto del disciplinare di produzione del Prosecco Superiore DOCG. Lo spumante prodotto sulle colline tra Conegliano e Valdobbiadene (TV) ha ottenuto la Denominazione di Origine Controllata nel 1969 e la Denominazione di Origine Controllata e Garantita nel 2009. Il territorio di produzione comprende 15 comuni: Conegliano, San Vendemiano, Colle Umberto, Vittorio Veneto, Tarzo, Cison di Valmarino, San Pietro di Feletto, Refrontolo, Susegana, Pieve di Soligo, Farra di Soligo, Follina, Miane, Vidor e Valdobbiadene. Il Consorzio, attualmente presieduto da Innocente Nardi, ha sede in località Solighetto a Pieve di Soligo, raggruppa 178 case spumantistiche e tutte le categorie di produttori (viticoltori, vinificatori e imbottigliatori). Opera principalmente in tre aree: la tutela del prodotto, la sua promozione e la sostenibilità della produzione, in Italia e all'estero, dove promuove la conoscenza del prodotto attraverso attività di formazione, organizzazione di manifestazioni e relazioni con la stampa.  



M-eat & Sound
Sopressa e Durello in Festa a Brenton
Luppolo in Villa - Varedo (MB)
vedi tutti segnala un evento