Idee per il weekend
Riscoprire il paesaggio: itinerari all’aperto tra natura e storia

Riscoprire il paesaggio: itinerari all’aperto tra natura e storia

Con l’arrivo di marzo le giornate iniziano a farsi più lunghe e torna la voglia di passare maggior tempo all’aria aperta per respirare il clima quasi primaverile che si avvicina.

Ogni anno quindi in questo periodo torna la voglia di organizzare qualche giornata o weekend fuori porta, ma in questo 2020, vista la situazione eccezionale in molte zone d’Italia, questa propensione può assumere un significato speciale.
Cerchiamo quindi di offrire qualche spunto per cercare, non troppo lontano da casa, dei luoghi nei quali poter trovare benessere e appagamento per i propri sensi restando all’aperto.

Di mete ce ne sono davvero tante, infatti da nord a sud l’Italia offre, a volte nascosti, luoghi affascinanti e immersi nella natura o nella storia, da percorrere a piedi o in bici.
Per chi vuole passeggiare tra strade e sentieri collinari e scattare selfie incorniciati da paesaggi mozzafiato, suggeriamo qui alcune mete più o meno conosciute che sono dei veri e propri balconi panoramici. Quelli citati vogliono essere soltanto uno spunto di esempio, per spingere ciascuno a pensare ai propri dintorni o a luoghi raggiungibili con un piccolo viaggio in auto alla ricerca di un panorama scenografico.

Partiamo dal Sud, in provincia di Avellino: a Frigento, nel cuore dell'Irpinia si trova Via Limiti, una delle strade più belle della Campania. Si tratta di un percorso pedonale che parte dal centro storico del borgo e si snoda per circa 700 metri. La strada per raggiungere i punti panoramici è in parte ombreggiata dai numerosi alberi secolari, come aceri e platani. Il percorso è caratterizzato da tre logge che sono meravigliosi punti panoramici da cui si possono scorgere nell’orizzonte 5 regioni: Campania, Puglia, Basilicata, Molise, Abruzzo. Attorno a Frigento si sviluppa un’area boschiva caratterizzata da un’ampia varietà di flora e fauna che regalano allo scenario un aspetto immerso nel verde.
Per concludere la passeggiata non si può evitare di assaggiare la cucina popolare locale accompagnata da vini rossi di qualità come l’Aglianico.

Borgo storico

Risalendo verso Nord, nel Lazio, in provincia di Viterbo, si trova la cosiddetta “città che muore”. Nonostante il nome malinconico, Civita, frazione del comune di Bagnoregio, è considerata uno dei borghi più belli d’Italia. In effetti è un luogo molto suggestivo dall’aspetto medievale, in cui risiedono solo 11 abitanti. Si trova arroccata in una collina, raggiungibile attraverso un ponte di 200 metri; una volta arrivati si potrà apprezzare da ogni angolo la magnifica vista sulla Valle dei Calanchi.
C’è chi preferisce ammirare Civita da lontano e in questo caso Lubriano è il posto giusto. A soli dieci minuti di macchina si potranno scattare foto del piccolo borgo che circondato dalla vallata offre un panorama davvero incredibile!
Per concludere la gita si possono raggiungere i ristoranti e le trattorie nei dintorni, dove ci si può deliziare con alcune delle numerose specialità tipiche della Tuscia.

Rocca Calascio

Rocca Calascio è uno dei castelli più elevati d’Italia e si trova all’interno del Parco nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, in provincia dell’Aquila. La Rocca è costituita da un castello e un borgo medievale. E’ tra le mete turistiche più spettacolari d’Italia tanto che è stata inserita dal National Geographic nella lista dei 15 castelli più belli al mondo. La posizione dominante del castello sulla vallata consente di godere di un panorama unico, da lasciare a bocca aperta! 
Terminato il giro turistico ci si può concedere una sfiziosa tappa in uno dei locali di Calascio e dintorni, per assaggiare la cucina tradizionale abruzzese, tra formaggi e carni accompagnati da un bicchiere di Montepulciano.

Macerata panorama

Risalendo ancora fino alle Marche un “balcone” per eccellenza è quello offerto dal borgo di Cingoli, in provincia di Macerata. Un posto che affascina chiunque decida di sostare per ammirarne il panorama. Per raggiungere la terrazza sulle mura castellane si intraprende una romantica passeggiata che parte dal centro storico del borgo. Proseguendo verso il belvedere si incontrano numerosi punti di interesse storico e architettonico.
Una volta arrivati al punto panoramico si potrà ammirare buona parte del territorio marchigiano circondato dal mare.
Anche qui la cucina tipica merita un assaggio: vincisgrassi, frascarelli e la tipica focaccia crescia sono alcune delle specialità locali da provare.

Nell’Italia settentrionale, in mezzo ai colli trevigiani si trova uno tra i borghi più belli d’Italia: Asolo, definita la “città dai cento orizzonti” da Giosuè Carducci. Seguendo la Strada del vino del Montello e dei Colli Asolani si può apprezzare la bellezza del paesaggio collinare fatto di ulivi, boschi, filari di cipressi e terrazzamenti a vigneto. Un meraviglioso panorama accompagna chiunque decida di percorrere i 262 scalini che portano fino alla Rocca di Asolo, una fortezza situata sulla cima del Monte Ricco. Alla fine del percorso si potrà godere di un panorama multiforme, tra pianura padana e l’arco alpino; con il cielo limpido sarà possibile inoltre scorgere la laguna di Venezia.
I Colli Asolani sono tra i principali luoghi di produzione vinicola del Veneto, per questo non si può fare a meno di concludere la giornata con una sosta in una delle numerose enoteche locali, brindando con un ottimo calice di prosecco.

Insomma, serve davvero pochissimo per organizzare una gita all’aperto in scenari unici e poco frequentati, non solo in collina: tra vecchi mulini, boschi secolari, argini dei fiumi e piccoli laghi, parchi regionali e nazionali…un po’ di ricerca e di approfondimento sui i siti comunali o delle associazioni turistiche ci offriranno tutto il materiale necessario, come mappe, indicazioni sui tempi di percorrenza e richiami storici.
E se vi va condividete sulla nostra pagina Facebook qualche foto dei vostri panorami preferiti, vicini a casa o più lontani!