Giornata mondiale
Bee Day: il 20 maggio si celebrano le Api

Bee Day: il 20 maggio si celebrano le Api

ape-impollinatrice

Si dice che Einstein abbia detto “Se l’ape scomparisse dalla faccia della terra, all’uomo non resterebbero che quattro anni di vita”. Che il celebre fisico tedesco abbia realmente pronunciato queste parole non è certo, ma il messaggio della frase non è da sottovalutare: le api e gli impollinatori sono essenziali per la vita dell’uomo. Proprio per questo l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha deciso di istituire la Giornata Mondiale delle Api.
La data non è stata scelta in modo casuale, ma vuole rendere omaggio a uno dei pionieri dell’apicoltura moderna, Anton Janšanato, nato il 20 maggio 1734.
Con questa giornata si cerca di valorizzare il lavoro delle api al quale è legata l’esistenza di molte specie, sensibilizzando le persone alla tutela di questi piccoli esseri viventi che meritano protezione da parte dell’uomo anche se a volte possono apparire fastidiosi.

Lo sapevi che il 75% del cibo si sviluppa grazie al lavoro degli impollinatori?

Attraverso il trasporto del polline da un fiore all’altro gli impollinatori consentono la fecondazione e la formazione del frutto. Purtroppo a causa di vari fattori come il cambiamento climatico, l’uso di pesticidi e l’invasione di alcune specie di insetti, le api e gli altri impollinatori (farfalle, coleotteri e mosche, ad esempio) sono fortemente minacciati.

Nel nostro piccolo tutti possiamo contribuire ad aiutare queste piccole grandi lavoratrici.
Come?

Ecco 5 azioni a portata di tutti

Coltivare le piante di cui si nutrono

Le api sono ghiotte di nettare e di polline. Perchè possano cibarsi a sufficienza per i 365 giorni dell’anno si può programmare la coltivazione e la varietà di piante in base alle stagioni. Dovremmo ad esempio coltivare in giardino o in vasi da posizionare nel terrazzo fiori come tulipani, margherite, girasoli ma anche piante che possono tornarci utili in cucina come salvia, erba cipollina, lavanda e rosmarino.

Girasoli

Piantare alberi

Se fiori e piccole piante forniscono solo una parte del cibo per le api, possiamo immaginare che gli alberi siano la fonte principale. Oltre a fornire il cibo, gli alberi sono anche l’habitat ideale per questi insetti striati. Non tutti abbiamo un giardino spazioso dove piantare alberi, ma possiamo sempre regalare qualche seme o un giovane alberello a chi di spazio ne ha!

Evitare pesticidi

Questo consiglio andrebbe sempre tenuto a mente. Una coltivazione senza l’uso di prodotti chimici può fare la differenza su diversi aspetti. Con riferimento alle api, i pesticidi sono causa di morte poiché ne intaccano il sistema nervoso centrale paralizzandole. Cerchiamo quindi di trattare le nostre piante con pesticidi naturali, un modo per aiutare le api e per rispettare l’ambiente!

Acquistare il miele da apicoltori locali

Al posto di acquistare il miele nei supermercati possiamo affidarci agli agricoltori locali. Un bel modo per sostenere queste piccole realtà e per garantirsi un prodotto biologico.

miele

Ospitare le api solitarie

Siamo abituati a pensare alle api come animali che vivono in colonie ma in realtà ci sono alcune specie solitarie. Non vivendo in alveari, trovano rifugio in piccole cavità che potete ricreare usando materiali naturali come il legno. Se non sapete come fare, date un’occhiata a questo tutorial www.youtube.com/watch?v=dzjsZ6FsSCw

Modi per aiutare le api ne ce sono davvero tanti, queste sono alcune idee che speriamo condividerete con i vostri amici per diffondere un messaggio di responsabilità verso questi piccoli insetti gialli e neri. Fateci sapere cosa ne pensate e se avete altre idee per aiutarle.
Buona Giornata Internazionale delle Api!